Articolo 11: Pappa

1. Il Pappa o Pastefice massimo, è un socio di chiara fama e indubbia fede pastafariana nominato dal Consiglio direttivo.
2. Ha funzione di massima guida spirituale per la comunità dei soci e dei fedeli pastafariani e di rappresentante della CPI, supportando pubblicamente l’associazione per i suoi scopi.
3. La carica di Pappa è compatibile con le altre cariche dell’associazione.
4. La carica di Pappa si rinnova contestualmente alle altre cariche sociali. Il Consiglio direttivo, durante la sua prima seduta detta anche “Conclave”, provvede alla nomina di un nuovo Pappa, ovvero a confermare quello in carica e comunica la propria decisione a tutti i soci.
5. Il Pappa può rinunciare alla propria carica, facendone espressa richiesta al Comitato Direttivo.
6. Al termine del proprio mandato, il socio che ha ricoperto la carica di Pappa assumerà l’appellativo di “Pappa emerito”.